Preghiera

image

(Foto personale)

Io ti guardo mentre te ne stai lì, che sembri uno scoglio liscio, messo quasi a caso da Dio in mezzo al mare, e brillante solo dove l’acqua ti tocca quando ci sbatte e appuntito solo dove la pietra si cerca cauta con le mani, giù in basso, che a farsi male ci vuole poco.
          
Io ti guardo e penso poi a quando di navigarmi sarai stanco e io non sarò più un porto nuovo per le barche ardite in prua, che vogliono soltanto attraccare per ripartire presto. E poi tornare.

Io ti guardo, penso e prego che allora di solcare tu abbia voglia, anche solo con le dita, le mie rughe.
Magari della bocca o meglio ancora delle guance che lì le lacrime fanno più fatica a trovare la diritta direzione e scivolano più lente con il passo vecchio dei vecchi ma con il tempo giusto per arrivare al cuore.