Dell’intero che di te non so

(Foto personale)

Dell’intero che di te non so me ne farei bastare solo una goccia. 

La farei rimbalzare di qua e poi di là, spingendola a quel movimento circolare che il pensiero riconosce come ricordo. 

Vi saprei perfino affogare, piccola e a mani giunte, per smettere un po’ di respirare e far fiatare sulla mia bocca le tue parole perse. 

Vederle anche spingersi dal mare.