… e nesci Rosa t’ha diri ‘na cosa

Di uno ho il mese e dell’altra ho il giorno.
Quasi a non volermi far dimenticare che sei ancora vita nella mia vita.
E loro ti amerebbero come l’acqua fresca ad agosto.
Io? Io a volte ti chiamo: e nesci Rosa t’ha diri ‘na cosa…
Tu mi daresti della stupida, sorridendo però che questa figlia tua ha ancora il credo dei bimbi che pensano di poter perfino rubare il polline alla primavera.
Come vedi mamma chiacchiero, chiacchiero ma rimango la stessa stagione partorita, tra una fine e un inizio, con un piede nel nostro settembre bagnato d’oro e sale e una mano ferita già d’autunno.

Bella figliola ca ti chiami Rosa

chi bellu nomu mamma a te t’ha misu

t’ha misu u nomu bellu di li rosi

lu megghiu ciuri di lu paradisu

bella figliola ca ti chiami Rosa

 

bella figliola ca ti chiami Rosa…

 

Passu di notti e ti salutu strada

cu ‘na vampa nto cori e vuci ardita

e nu salutu a mia finestra amata

cca dintra c’è na rosa culurita

rosa chi di li rosi ammuttunata

rosa a tinutu ‘n pedi la me vita

passu di notti e ti salutu strada…

 

iu sta canzuni la lassu stampata

cca dintra c’è na rosa culurita

ti pozzu offriri sulu ‘na cantata

sulu sta vuci mi detti la vita

pueti sunaturi e stampasanti

camparu sempri poveri e pizzenti

passu di notti e ti salutu strada…

 

e nesci rosa t’ha diri ‘na cosa

 

e nesci rosa t’ha diri ‘na cosa

e nesci rosa t’ha diri ‘na cosa ‘na cosa

e nesci nesci rosa!!!

Annunci

12 pensieri riguardo “… e nesci Rosa t’ha diri ‘na cosa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...