La filosofia delle polpette

image

(Foto personale)

Quando tu mi chiedi di dirtelo, io non ci riesco.
Ti stupisci e mi dici: “Eppure le parole proprio a te non mancano!”.
Invece io ti giro la schiena e muovo le mani, le dita, le braccia e le spalle.

E penso che mi muovo come solo tu sai che mi muovo. 

Ma che non riesci ancora a trovare la mia risposta in mezzo all’impasto delle polpette. 
La metto lì.
Perché l’amore che mi chiedi di spiegarti io te lo so lasciare solo sulla bocca.

Annunci

37 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Hydor Tesla
    Set 24, 2014 @ 21:07:31

    bello.

    Mi piace

    Rispondi

  2. massimobotturi
    Set 24, 2014 @ 21:27:14

    wow!

    🙂

    Mi piace

    Rispondi

  3. Amor et Omnia
    Set 24, 2014 @ 21:29:30

    io a volte faccio i polpettoni con le parole salvo poi mettermi a dieta.. ascetica…
    sempre in gamba… 🙂
    A

    Mi piace

    Rispondi

  4. Ma Bohème
    Set 24, 2014 @ 21:46:02

    Nel frattempo le polpette riposano e vengono meglio; riposano i pensieri e tutto diventa più gustoso. 😉
    Dolce serata :-*
    Primula

    Mi piace

    Rispondi

  5. tramedipensieri
    Set 24, 2014 @ 23:08:56

    Ohhhhh…..😊😊😊

    Mi piace

    Rispondi

  6. Bratinez
    Set 24, 2014 @ 23:36:45

    Che poi, se è amore, cos’altro si può preparare se non le polpette?! 🙂

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  7. Cix79
    Set 24, 2014 @ 23:52:38

    Davvero bello ciò che hai scritto. E poi le polpette sono buonissime!

    Mi piace

    Rispondi

  8. poetella
    Set 25, 2014 @ 06:24:27

    mamma che buone ‘ste polpette! Le più buone, decisamente.
    Bravissima!

    Mi piace

    Rispondi

  9. Sun
    Set 25, 2014 @ 08:16:01

    Stupendo!!!

    Mi piace

    Rispondi

  10. Claire
    Set 25, 2014 @ 13:49:46

    Meraviglioso!!!! Meraviglioso …

    Mi piace

    Rispondi

  11. rideafa.
    Set 25, 2014 @ 17:10:09

    è un pò una specie di miracolo, saperlo fare per davvero l’amore. con le mani, ed è un impasto, con cura quotidiani, gesti a volte minuscoli, e ognuno ci ha la propria impronta, il proprio peso nei diti, e tutto quello che occorre.

    blogga, forse l’amore è come il lievito madre.

    Mi piace

    Rispondi

    • labloggastorie
      Set 25, 2014 @ 18:15:11

      Bello questo commento…
      Io non so se l’amore sia come il lievito madre ma so che è indispensabile anche per fare un uovo strapazzato.
      Poi sai cosa penso che se pure fosse lievito occorrerebbe sempre un panno umido e il caldo per “essere di più”, perciò alla fine sapere cosa sia conta poco se non lo si rende gonfio.
      😀

      Mi piace

      Rispondi

  12. Roberto Emanuelli (Erre)
    Set 25, 2014 @ 17:18:35

    Scherzi a parte, ero certo di ricordare una promessa di pranzo a casa tua, con la tua famiglia. Chiaramente, io mangerò, da solo, come tutti voi messi insieme.

    Bella, la chiusa… 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  13. ombreflessuose
    Set 26, 2014 @ 10:45:41

    Mi rifaccio cuore e bocca con queste tue Polpette

    Mistral

    Mi piace

    Rispondi

  14. newwhitebear
    Set 26, 2014 @ 22:23:27

    Mi pare ovvio che lasciare l’amore nelle polpette sia un sacrilegio.
    Si cuociono, si mangiano, si espellano.
    Un grande abbraccio

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: