Breve storia di un’ora

image

(Foto personale)

Ora apri la porta ed entra.
Siediti sul bordo del mio letto con le lenzuola di linee rette.
E non dire niente perché non ho voglia di mangiarti la voce. 
E non mi accarezzare il viso perché mi stanca l’ammirazione delle tua dita.
Levami solo la carne di troppo.
Dirò che è il modo indefinito del verbo di quest’ora.                 
Dopo alzati dal mio letto con le lenzuola di linee storte.
Esci e chiudi la porta.

Annunci

31 pensieri riguardo “Breve storia di un’ora

  1. Questa la trattengo nel mio archivio personale.
    Sai, quando vuoi qualcuno sulla pelle, anche se conosci il graffio che lascia.
    Prendi la sua verità, quella immediata, fatta di carne.
    E anche altro che non dico, ma so che capisci. Secondo bacio della giornata :*

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...